Gattara

In passato si chiamava Gattaia, dal celtico “Gat”, bosco e il suo castello del 1145, rimase di proprietà dei Conti di Carpegna fino al 1817, anche se fu interessato dalle lotte tra Malatesta e Montefeltro.

La sua storia è molto antica: il luogo era abitato dalla seconda età del Ferro e numerosi sono i reperti ritrovati, accanto a quelli d’età romana.

Il borgo è intatto con alle spalle un panorama unico sui Sassi del Simone e Simoncello. Lo caratterizzano la Torre, unico resto delle difese castellane e il campanile della chiesa, intitolata a Santa Maria della Neve che fu eretta nel XVI sec. su costruzioni preesistenti.